Storia dell’azienda

Il fondo su cui sorge l’Agriturismo fu acquistato alla fine del 1800 da Rosario Calabretta discendente da una famiglia di esportatori di agrumi.

Su queste terre, inizialmente adibite alla coltivazione della vite, vennero presto impiantati gli agrumi che, dai primi anni del novecento, furono la coltivazione predominante in questa zona della Sicilia chiamata poi “riviera dei limoni”. L’azienda si affermò presto nel mercato e iniziò ad esportare agrumi in Europa e America. La “limonina”, l’immagine della bambina vestita da limone, fu realizzata proprio alla fine dell’Ottocento per pubblicizzare la vendita degli agrumi nel mondo ed è ancora oggi utilizzata per promuovere l’azienda. Nel tempo la famiglia Calabretta ha sempre mantenuto la coltivazione degli agrumi di Sicilia nel rispetto del territorio e della tradizione. Dell’ antica coltivazione della vite rimane ancora testimonianza nell’ala dell’ antico palmento, luogo che veniva utilizzato in azienda per la vinificazione, dove ancora oggi è possibile ammirare la vasca di pigiatura dell’uva e il torchio integralmente conservati.